L’inflazione nei Paesi Bassi è aumentata ulteriormente in agosto, fino al 12%, rispetto allo stesso mese dell’anno prima. Questa è la cifra più alta mai misurata nei Paesi Bassi. A luglio l’inflazione era del 10,3%. Dal 1963, l’Ufficio centrale di statistica monitora la cifra dell’inflazione su base mensile e il record precedente risale al gennaio 1975, quando l’inflazione era dell’11,1%, dice NOS.

Il principale fattore è stato ancora una volta l’energia, ma anche i generi alimentari e i costi degli alloggi hanno alimentato il costo della vita.

Il gas, in particolare, è diventato più costoso, afferma il giornalista Nik Wouters a NOS Radio 1 Journaal. “Questo fa aumentare anche i prezzi dell’elettricità”.

Nel dato sull’inflazione, CBS presume che i consumatori abbiano concluso un nuovo contratto ad agosto. Non è affatto così per tutti, quindi per molte persone l’inflazione sarà in pratica più bassa. Tuttavia, nessuno può sfuggire ai prezzi più alti, perché la spesa sta aumentando anche nei supermercati, nei fornai e nelle macellerie. Il cibo era del 13,1% più costoso ad agosto rispetto a un anno fa.

“Le percentuali sono enormi”, afferma Wouters. “Ad esempio, latte, formaggio e uova costano il 18% percento in più rispetto a un anno fa. Il caffè quasi il 20% in più e la carne il 17%. Si tratta di enormi aumenti di prezzo che colpiscono tutti”.

“L’aspettativa era che ora saremmo effettivamente entrati in una fase in cui l’inflazione sarebbe diminuita”, afferma Wouters. “Lo sentiamo da mesi. Eppure l’inflazione è aumentata ad agosto”.

L’inflazione calcolata su un intero anno è stata superiore in alcuni periodi, fino al 12%. Ad esempio, nel 1945 l’inflazione era del 15% e nel 1918 oltre il 19%. Nel gennaio del prossimo anno, CBS calcolerà l’inflazione per tutto il 2022.