L’accordo sul clima è disaccordo. Klaas Dijkhoof, il leader del VVD ha spiegato al parlamento la sua retromarcia sull’accordo clima.

Pietra dello scandalo una dichiarazione alla stampa, dove ha definito il leader parlamentare D66 Jetten un “disastro climatico”. Dijkhoff ha ammesso: “In effetti non era l’intervista con la scelta di parole più cortese”.

Jetten è capogruppo di un partito alleato del VVD ma la posizione dei partiti sul clima si è di recente allontanata. Secondo Dijkhoof, l’accordo è stato concluso troppo in fretta.

Per il leader VVD, i sussidi per le auto elettriche sono superati e tutte le misure di fattibilità e supporto dovrebbero essere rivalutate.

Quale soluzione? Il leader del Groenlinks insiste con la eco-tassa mentre il VVD vorrebbe solo sanzioni per chi inquina. Per Jesse klaver non è praticabile: le sanzioni, ad oggi, non hanno funzionato.

Dijkhoff teme che una “tassa sulla CO2 allontanerebbe le aziende dall’Olanda per paesi dove le emissioni non sono “tassate”. E così, dice il leader VVD, il saldo sarebbe comunque negativo per l’ambiente

.