Partij van de Arbeid from Amsterdam, Nederland, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

La presidente della Camera olandese è lieta che venga condotta un’indagine indipendente sull’ex presidente Khadija Arib per accertare se le denunce sul suo comportamento ritenuto “oltre i limiti”, siano effettivamente fondate, dice NOS.”Ci è stato fatto notare più volte che persone hanno sofferto durante quella gestione”. Secondo lui, questo potrebbe anche essere uno dei motivi per l’avvio dell’indagine  sulla sicurezza nell’ambiente di lavoro della Camera.

NOS ha anche parlato con diversi ex dipendenti di Arib che la sostengono pienamente e trovano ingiusto che un’indagine venga avviata così tanto tempo dopo il suo addio dalla carica di Presidente della Camera. “Tutti sapevano che non era [una persona] facile, ma avresti dovuto dire qualcosa prima”, dice uno di loro in modo anonimo. “Non molto dopo oppure ora che è presidente della commissione parlamentare d’inchiesta che indaga sul Covid”.

NRC ha scritto  ieri sera che il comitato esecutivo della Camera, il Presidium, vuole condurre un’indagine indipendente sul comportamento di Arib come manager durante il suo periodo come Presidente della Camera, dal 2016 al 2021. In due lettere anonime è accusata di “abuso di potere” e di guidare un “regno del terrore” e di aver creato un “ambiente di lavoro non sicuro”. La stessa Arib, ora deputata semplice, ha reagito furiosamente alle accuse: secondo lei,  il suo successore, anche  Vera Bergkamp, ​​l’avrebbe spinta”davanti all’autobus”.

Bergkamp ha detto in una breve dichiarazione questa mattina che è ben lungi dal lanciare quell’accusa: secondo lei, la presidenza è stata unanime nella decisione di condurre un’indagine indipendente.

Dice che la presidenza è stata attenta e si è consultata “ampiamente” con il pubblico ministero.