NL

NL

A Ter Apel alcuni cittadini fanno ronde e “arrestano” i richiedenti asilo sospetti

Donald Trung Quoc Don (Chữ Hán: 徵國單) – Wikimedia Commons.(Want to use this image?), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Membri di una cosiddetta “guardia cittadina” (burger watch) a Ter Apel hanno recentemente “arrestato” due uomini che sarebbero stati colti in flagrante durante un tentato furto, scrive Nieuwsuur. Sono circolati in rete video dei due uomini che giacevano a terra, con le mani e le gambe bloccate da fascette di plastica. Questo ha suscitato sia manifestazioni di sostegno che molte critiche. Ma è lecito agire in questo modo e prendere e farsi giustizia da soli?

Possono i cittadini trattenere un altro cittadino? Sì, dicono le regole, ma solo in determinate circostanze. “Deve trattarsi di un avvistamento sul fatto”, spiega Henny Sackers, giudice e professore emerito di diritto penale al programma. “Devi praticamente vedere che qualcosa viene rubato e allora un cittadino può trattenere un sospetto in attesa dell’arrivo della polizia.” È anche consentito costituire “ronde”. “In sé non è vietato nei Paesi Bassi, purché si rispettino le norme.”

Sia i sindaci che il ministero della Giustizia e della Sicurezza condannano l’atto di giustizia privata da parte della guardia cittadina e pur dicendo di capire che i residenti di Ter Apel siano stanchi dei disagi, non se la sentono di condonare il gesto.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli