BE

BE

A Bruxelles, no assoluto all’aumento delle tasse? O prima la sostenibilità?

Durante il ciclo di dibattiti “Brussel Kiest” organizzato da BRUZZ fino alle elezioni del 9 giugno, due politici brusselliani si confrontano ogni giovedì e venerdì: nella prima puntata, Pascal Smet (Vooruit.brussels) e Gilles Verstraeten (N-VA) si sono scontrati, mentre oggi il confronto riguardava il bilancio brussellese e il dibattito era tra la sottosegretaria di Stato federale per il Bilancio e gli Affari dei Consumatori Alexia Bertrand (Open VLD) e la ministra dell’Energia Tinne Van der Straeten (Groen). “Le spese devono essere più equilibrate e portare benefici a tutti i brussellesi.”

Il bilancio della capitale presenta un deficit di un miliardo di euro. Come si può riportarlo in equilibrio? Alexia Bertrand crede nella volontà politica di un bilancio a zero, perché “i debiti di oggi sono le tasse di domani”.

Dall’altra parte, Tinne Van der Straeten vuole investire soprattutto nel futuro. La politica del partito verde Groen vuole pannelli solari su ogni tetto a Bruxelles. “Questo non solo ridurrà le bollette energetiche, ma allevierà anche il bilancio pubblico in futuro, riducendo il bisogno di alzare le bollette”. Bertrand teme le tasse elevate, come le tasse di registrazione che al 12,5% sono già “molto alte” rispetto all’1-3% nelle Fiandre, e che spingono la classe media fuori da Bruxelles.

Bertrand intende esaminare attentamente tutte le spese, a cominciare dalle spese di consulenza e dai 200 milioni di sovvenzioni facoltative a più di 8.000 associazioni, tra cui un’associazione che promuove la ciclabilità. “È assolutamente necessario?”

Van der Straeten fa notare che l’Open VLD assegna ingenti sovvenzioni al Museo della Birra e al centro artistico Kanal, “che probabilmente non sarebbero state approvate nel bilancio federale”. Altro argomento: il finanziamento della nuova linea metropolitana 3, per la quale il governo ha già dovuto sborsare quattro miliardi di euro. Bertrand difende questo tipo di grandi progetti: “Bruxelles non avrebbe potuto attrarre le istituzioni europee se negli anni ’70 non avesse lanciato il progetto della metropolitana”.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli