Willard84, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

807 mugnai volontari hanno stabilito senza sforzo un record mondiale questa mattina: con un “eccellente vento contrario” hanno fatto girare tutti i mulini contemporaneamente dalle 11:00 alle 12:00. Anche all’estero hanno partecipato 29 mugnai volontari, fino alla Nuova Zelanda (anche se lì era già notte fonda), dice NOS.

“Non è stato così difficile stabilire un record, perché non c’era ancora nulla”, afferma Tom Kreuning, segretario dell’associazione GILDA che riunisce i mugnai olandesi.

Kreuning è onesto al riguardo, il tentativo di record mondiale di  ieri mattina aveva principalmente lo scopo di attirare l’attenzione sul mestiere del mugnaio: nei suoi cinquant’anni di esistenza, la Gilda ha formato circa 2300 mugnai, la maggior parte sono volontari, ma anche i cinquanta mugnai che ne hanno fatto la loro professione sono stati formati dall’associazione. Ma l’interesse a fare la formazione sta diminuendo.

“L’età media di un mugnaio è ora di 61 anni”, dice Kreuning a NOS, sottolineando l’età media avanzata.

“Non è tanto l’invecchiamento della popolazione”, dice Harry Eskes del mulino Kyck a proposito di den Dyck a Dordrecht vicino a Rijnmond. “Alcuni dei mugnai hanno più di 75 anni. A loro piace, hanno studiato per questo. Abbiamo anche mugnai che hanno meno di 40 anni. Penso che sia più la mancanza di familiarità; che essere un mugnaio è davvero una professione. E questo i mulini non funzionano senza un mugnaio”.