55 adulti con cittadinanza olandese, di cui tre quarti donne, vivono in centri per richiedenti asilo curdi siriani o in detenzione, insieme a 85 bambini, ha detto il servizio di sicurezza olandese AIVD.

Molti dei bambini sono nati nella regione, ha aggiunto l’intelligence. Un mese fa, l’AIVD ha detto che 40 adulti e 65 bambini vivevano nei campi. Inoltre, altri 80 jihadisti olandesi sono ancora coinvolti in combattimenti nella regione e hanno altri 85 bambini con loro.

9 bambini su 10 hanno meno di nove anni. Circa 300 cittadini olandesi sono partito per il ​ c.d. Califfato ISIS e di quelli 90 sono morti e 60 sono tornati nei Paesi Bassi.

Il governo olandese rimane irremovibile sul non voler facilitare il rientro di jihadisti olandesi nei Paesi Bassi, nonostante un appello dell’ombudsman abbia chiesto un’eccezione per i bambini.

Gli ex combattenti possono attualmente tornare nei Paesi Bassi solo se riescono a raggiungere, da soli, un consolato o un’ambasciata olandese.