Dopo oltre 20 anni di partecipazione alle commemorazioni del 4 e 5 maggio , il Vereniging Ons Suriname, organizzazione della diaspora surinamese ha deciso quest’anno di non partecipare.

In parte grazie anche agli sforzi delle popolazioni delle ex colonie sulle navi mercantili, scrive sulla sua pagina FB, Germania, Giappone e Italia sono stati sconfitti. Molti surinamesi e antillani erano tra i marinai. Da qui la Vereniging Ons Suriname insieme ai Kroonvaarders, un’associazione di ex portuali della società di navigazione KNSM, hanno organizzato per 20 anni una commemorazione congiunta il 4 maggio nella Kompaszaal di Amsterdam.

Tutto è filato liscio con i Kroonvaarders quando due anni fa -scrive ancora l’associazione surinamese-  in una mail il comitato ha voluto puntualizzare alcune condizioni per il discorso celebrativo:  “… Ogni riferimento al colonialismo ed alla schiavitù dovrebbe essere evitato …” 

Dopo la mediazione del Comitato 4 e 5 maggio, il Vereniging Ons Suriname ha ricevuto scuse dai Crowners per telefono. Ma nulla di più.

Dato che il conflitto non è stato risolto, ha scritto VOS, e la mediazione del Comitato 4 & 5 mei è fallita, l’associazione di surinamesi ha deciso quest’anno di non prendere parte alle commemorazioni

“Impedendo al VOS di riferirsi alla storia della schiavitù, quella dei Kroonvvarders è una forma di censura”, scrive l’associazione. “Pertanto non parteciperemo alla commemorazione del 4 maggio di quest’anno.”