Il 30% regeling, un’agevolazione fiscale riconosciuta a personale straniero altamente qualificato assunto fuori dai confini dei Paesi Bassi, subirà dal I gennaio 2019 una decurtazione nella durata. 

Stando al Telegraaf, il nuovo limite si applicherà anche a chi ne beneficia ora, non solo a chi lo chiederà dal prossimo anno. 

La norma, consente ai datori di lavoro di dedurre le imposte fino al 30% del reddito del personale assunto dall’estero era stata pensata con l’intento di attirare profili professionali non immediatamente disponibili sul mercato del lavoro olandese e di compensare, in questo modo, i costi di ricollocamento.

Ma il provvedimento, nel 2016 è finito sotto la lente di ingrandimento dell’Algemene Rekenkamer, la corte dei conti olandese che ne ha messo in dubbio i vantaggi per l’economia olandese a fronte di costi per l’erario lievitati negli anni: nel 2015 è costato 755 milioni e nel 2017, 902 milioni.

Attualmente circa 60.000 persone beneficiano di questo provvedimento, tra questi soprattutto indiani, britannici, americani e italiani.