D’ora in poi, le chiese e altre istituzioni religiose in Olanda potranno ospitare al massimo 30 fedeli. Cantare è vietato, e le chiese saranno incoraggiate a trasmettere la messa il più possibile online: lo ha deciso lunedì Ferdinand Grapperhaus, Ministro della Giustizia e della Sicurezza, insieme a diverse organizzazioni ecclesiastiche.

Grapperhaus ha incontrato le organizzazioni dopo che una chiesa in Staphorst aveva causato una serie di polemiche ammettendo fino a 600 persone alle proprie funzioni. I partecipanti non avevano l’obbligo di indossare una mascherina, e hanno cantato all’interno della chiesa.

“Stiamo tornando agli accordi fatti con le organizzazioni a Marzo”, ha riferito Grapperhaus a NOS dopo l’incontro. “Tutti stanno facendo dei sacrifici. Lo riconoscono anche le organizzazioni ecclesiastiche.”

Fino ad ora, i raduni religiosi erano esenti dal numero massimo di 30 persone altrimenti imposto alla maggior parte degli spazi pubblici. Non più. Il limite dovrà essere rispettato finché le attuali misure rimarranno in vigore.

Il Ministro della Giustizia ha però aggiunto che queste misure non possono essere fatte rispettare dal governo. “Noi non possiamo entrare negli edifici religiosi come enti governative, è un vecchissimo diritto fondamentale. Ma siamo sicuri che tutti rispetteranno le misure proposte.”