Più dei due terzi delle aziende olandesi quotate hanno un numero abbastanza elevato di donne nei loro consigli di amministrazione da raggiungere le quote rosa quest’anno, ha annunciato il professore di Tilburg Mijntje Lückerath-Rovers nell’annuale Dutch Female Board Index. L’anno scorso, solo la metà delle aziende quotate ha raggiunto gli standard.

All’inizio di quest’anno, la maggioranza della Tweede Kamer, la camera dei rappresentanti, ha appoggiato l’istituzione di quote rosa per i consigli d’amministrazione di grandi aziende. La legge, che non è ancora in vigore, stabilisce che almeno un-terzo dei dirigenti delle compagnie quotate in borsa sia di genere femminile.

La legge afferma che ogni uomo che lascia la posizione dev’essere rimpiazzato da una donna finché la quota non venga raggiunta. Se viene nominato un uomo nonostante tutto, la nomina è nulla.

Le circa cinque mila società a responsabilità limitata e società per azioni non registrate in borsa devono dimostrare come vogliono migliorare le proporzioni di donne ai vertici con l’aiuto di una figura di riferimento. Le società possono determinare autonomamente come vogliono raggiungere questo obbiettivo ma sono obbligate a riportare annualmente il loro progresso al Social and Economic Council (SER).

In sessantuno su ottantanove società registrate, una persona su tre nel consiglio d’amministrazione è una donna. Le 28 compagnie che non hanno ancora soddisfatto i requisiti dovranno nominare complessivamente 33 donne per adattarsi agli standard. “Sono principalmente le società più piccole che restano indietro, si tratta di fondi minori e a volte inattivi”, ha affermato Lückerath-Rovers. “Una quota legale farà quindi appello soprattutto a questi fondi più piccoli.

La crescita del numero delle donne direttrici è rimasta stagnante, secondo il professore. Quest’anno, in totale, ci sono state due direttrici donne in più, rispetto alle nove dell’anno scorso. La percentuale di donne al vertice di una società è ora al 13,6%.

Tra tutte le aziende dell’Amsterdam Exchange Index, solo Just Eat Takeaway non soddisfa le quote rosa. Solo due dei loro sette commissari sono donne.