Un gruppo di undici iracheni ha fatto causa all’Olanda in relazione ai danni subiti in seguito all’attacco anti-ISIS di aerei dei Paesi Bassi contro una fabbrica di esplosivo a Hawija, in Iraq, nel 2015. Liesbeth Zegveld, l’avvocata delle famiglie, afferma che l’attacco è stato illegale .

Gli iracheni sostengono di aver perso 11 membri della famiglia a causa dell’Olanda, inclusi nove bambini: molte case sono state distrutte e alcune delle vittime hanno subito danni fisici permanenti. Datoc he l’attacco è stato effettuato da piloti di F16 olandesi, i ricorrenti chiedono un risarcimento individuale.

Secondo il ministero della Difesa NL, l’attacco alla fabbrica di autobombe dell’IS ebbe conseguenze impreviste perché sono vennero immagazzinate molte più munizioni del previsto che esplosero, danneggiando o distruggendo centinaia di case nella zona residenziale circostante. Almeno 70 civili sono stati uccisi.

I querelanti sono civili che si trovavano nei territori ISIS mentre cercavano di fuggire dal paese e il punto chiave del ricorso degli iracheni è che l’Olanda sapeva dei rischi, dice un report stilato da NOS e NRC.

Ank Bijleveld, ministra della Difesa all’epoca delle pubblicazioni, ha affermato più volte alla Camera dei Rappresentanti che non c’erano indicazioni della presenza di civili: dulla base dell’esperienza con quattro precedenti incursioni aeree contro fabbriche di bombe, si riteneva che non vi fosse alcun rischio significativo di danni all’area residenziale circostante.

Zegveld accusa anche i Paesi Bassi di condurre ricerche “non puntuali, non adeguate e non indipendenti” sui rischi di un intervento militare: secondo lei, i Paesi Bassi erano obbligati a farlo sulla base della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Il governo Rutte III ha messo a disposizione quattro milioni di euro per progetti di ricostruzione ad Hawija, dice NOS: su richiesta del ministero della Difesa, sta indagando anche un comitato, guidato dall’ex ministro Winnie Sorgdrager, sui qui fatti. Tale rapporto è atteso per il prossimo anno.