The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Powned, protagonista di reality lascia dopo il post di scherno sul giovane siriano affogato. E rivela: non sono un rifugiato ma un attore

Ancora bufera sull'emittente razzista: avrebbe pagato un attore impersonare un rifugiato in un reality

Non ancora placata la polemica sul raccapricciante post dell’emittente  Powned -che “scherzava” sull’adolescente siriano annegato in una piscina di Breda- il canale televisivo razzista è nuovamente nell’occhio del ciclone. L’accusa, questa volta, è di aver assunto un attore per recitare in un (presunto) reality incentrato sui rifugiati.

Il programma “vluchteling maakt kennis” andato in onda in 12 episodi sul finire del 2016 raccontava la vicenda di un richiedente asilo, Tariq Kasem, originario dell’Iraq alle prese con i suoi primi mesi nei Paesi Bassi. Tariq si è voluto togliere un peso con il Volkskrant: egli non è un richiedente asilo ma vive in Olanda da 12 anni, ad Almere, ed è uno studente di recitazione.

Nelle dichiarazioni al Volkskrant, il giovane ha detto di essere rimasto scioccato dal post denigratorio sull’adolescente siriano annegato e di aver deciso -quindi- di tagliare i ponti con Powned rifiutando di partecipare alla seconda serie del reality e decidendo, allo stesso tempo, di togliersi un macigno dalla scarpa rivelando al paese che lui non è chi ha rappresentato nel programma.

Non è chiaro perchè gli autori del programma abbiano preferito un attore a veri rifugiati e perchè abbiano mentito ai telespettatori. Stando alle parole di Tariq, Powned aveva scelto due rifugiati siriani (veri) ma la scarsa conoscenza dell’olandese e il no ad alcune parti richieste dal “copione” hanno fatto optare il canale razzista per la scelta di un attore.

Tariq, a differenza della parlata stentata del video, si esprime perfettamente in olandese e ha spiegato di aver avuto riserve a partecipare al programma di Powned. Avrebbe cambiato idea nella speranza di rendere un’immagine migliore dei profughi. Ma al Volkskrant ha detto: mi sono sentito usato.

Powned ha rifiutato di commentare la vicenda al Volkskrant.