MILIEU
La cultura rifiuti i soldi di Shell: ambientalisti arrestati per protesta al Van Gogh

L'avvocato del gruppo ha chiesto che il caso venga archiviato perché il museo non ha presentato una denuncia penale

it
La cultura rifiuti i soldi di Shell:  ambientalisti arrestati per protesta al Van Gogh

Tre attivisti dell’associazione Fossil Free Culture sono tenuti in custodia tre giorni, dopo aver partecipato a una protesta al Van Gogh Museum di Amsterdam per denunciare il suo rapporto al gigante olandese Shell. Sette donne sono state arrestate per aver messo in scena presso il museo un’esibizione non autorizzata.

Gli attivisti, scalzi e vestiti di bianco, bevevano un liquido nero da conchiglie. La polizia è stata chiamata quando hanno ignorato le richieste di lasciare l’edificio. Un membro del team di supporto è stato arrestato più tardi. Cinque dei manifestanti sono stati liberati, ma rimangono indagati.

La polizia ha detto che altre tre sono state tenute in custodia perché hanno rifiutato di identificarsi. Gli attivisti sono membri del gruppo Fossil Free Culture, che sta portando avanti una campagna per porre fine alla sponsorizzazione dell’arte da parte dei colossi degli idrocarburi.

La polizia ha giustificato l’arresto perchè gli attivisti avrebbero vandalizzato l’edificio, versando del liquido nero a terra, questi -tuttavia- respingono le accuse: si trattava di zucchero di canna, già testato, che non lascia danni permanenti.

L’avvocato del gruppo ha chiesto che il caso venga archiviato perché il museo non ha presentato una denuncia penale. Un portavoce del Van Gogh, citato dal Telegraaf ha dichiarato di non voler denunciare il gruppo.

Commenti

commenti