NL
Il “sabotaggio pacifista” di Turi Vaccaro in Olanda: quando 12 anni fa distrusse gli F16

Membro del movimento antimilitarista di ispirazione cristiana “Plowshares”, il pacifista italiano di origine siciliane volle celebrare con questa azione il sessantesimo anniversario di Hiroshima e Nagasaki

it
Il “sabotaggio pacifista” di Turi Vaccaro in Olanda: quando 12 anni fa distrusse gli F16

di Alessandro Pirovano

 

Un uomo con il suo martello contro un aereo F16. Turi Vaccaro era il nome del moderno Don Chisciotte che, dodici anni fa, all’alba del 10 agosto 2005 sfidò le forze aeree olandesi, valicando le reti della base militare di Woensdrecht nella provincia del Nord Brabant.

Riuscì a sfuggire agli occhi dei militari di guardia e a avventarsi con il suo martello contro i due velivoli, distruggendo colpo su colpo gli apparecchi della cabina di comando, prima di venire arrestato. I danni causati ammontarono a più di un milione di euro.

Membro del movimento antimilitarista di ispirazione cristiana “Plowshares”, il pacifista italiano di origine siciliane volle celebrare con questa azione il sessantesimo anniversario di Hiroshima e Nagasaki, ricordando al mondo il potenziale distruttivo delle testate nucleari americane “ospitate” sul territorio olandese.

Il gesto di Turi Vaccaro gli costò una condanna a sei mesi di reclusione dalla corte di Breda e a un risarcimento danni dall’importo di circa 750.000 euro.

Il pacifista ha proseguito il suo impegno come attivista contro il MUOS in Sicilia e poi in Val di Susa contro il TAV.

Commenti

commenti