CINEMA
Ci vediamo al cinema – Febbraio

Dalle "montagne sullo schermo", al Rotterdam Film Festival; dal Sudafrica dell'apartheid alla vita di un adolescente nello spazio

it
Ci vediamo al cinema – Febbraio

Pochi festival, ma tanta offerta al cinema. Febbraio, il mese ideale per chiudersi ancora una volta nel calore della sala cinematografica non ci delude.

Dutch Mountain Film Festival – dal 10 al 12 febbraio – Heerlen, Kerkrade, Vijlen

Sembra impossibile che in uno dei paesi più Bassi (passatemi il gioco di parole), ci sia un festival cinematografico dedicato alla montagna. Eppure nel sud dell’Olanda qualche monte c’è. Tanto basta per il Dutch Mountain Film Festival, un evento che ha come pregio principale, quello di spostare l’attenzione dalle grandi capitali della cultura Olandese, ai piccoli centri di Heerlen, Vijlen e Kerkrade, sconfinando ad Aachen-Aquisgrana, in Germania e con eventi anche in Belgio.

Non importa di quali montagne si tratti, se dell’artico canadese come in The never melting story o delle alpi svizzere come in Sepp; de wolvenvriend, dalla Bolivia al Tibet, bella, pericolosa e a tratti mostruosa, la montagna è la protagonista assoluta. Una selezione di film spettacolare nel senso più stretto del termine.

 

 

Life Animated – 23 febbraio – Al De Balie, Amsterdam

Beccare questa chicca in mezzo al folto e bel programma dei cinema di Amsterdam non è stato facile, ma è un film che andrebbe assolutamente visto. Descriverlo come un documentario sull’autismo è riduttivo, è un film che racconta la storia di Owen Suskind, un bambino a cui, a tre anni, viene diagnosticato l’autismo. Comunicare con lui diventa sempre più difficile, finché i genitori trovano nei cartoni animati un linguaggio comune al figlio. Grazie a questo Owen troverà il suo modo di rapportarsi con il mondo. Con qualche spunto di animazione e una sensibilità unica, il film di Roger Ross William è imperdibile.

Metalepsis in Black – 23 e 24 febbraio – Filmhuis Cavia, Amsterdam

 

Il Cavia offre, come sempre, uno sguardo alternativo al cinema mainstream. Questa volta ci porta in SudAfrica, raccontandoci i movimenti studenteschi e come questi lottino in un paese dalle forti diseguaglianze sociali, nonostante siano passati ben 23 anni dalla “abolizione ufficiale” dell’Apartheid.

 

Het Doet Zo Zeer – dal 23 febbraio nei cinema

Documentario olandese (quindi in lingua olandese), presentato al festival del cinema di Rotterdam. Un film che mostra il dramma della demenza senile in uno spaccato di vita semplice, dolce, triste e difficile, su una figlia e una madre.

 

The space between us – dal 23 febbraio nei cinema

A metà tra fantascienza e storia d’amore adolescenziale, il film racconta di un marziano, o meglio di un ragazzo nato in una stazione spaziale su Marte, che stufo della sua vita all’interno di quella minuscola società, chiede di andare sulla terra e poter incontrare la sua amica di chat.

Commenti

commenti